Garanzia giovani

GARANZIA GIOVANI

E’ un progetto finalizzato a recuperare i giovani che non studiano e non lavorano, per aiutarli nella ricerca di una nuova occupazione, favorendo l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Il Programma è rivolto a tutti i giovani tra 15 e 35 anni che non stanno studiando, non stanno lavorando e non stanno seguendo un corso di formazione professionale (NEET – Not in Education, Emploment or Training) e ad essi vengono riservate le seguenti opportunità:

  • partecipazione ad incontri di orientamento mirati all’inserimento lavorativo, supportando il candidato nella ricerca
  • ricezione di proposte di tirocinio con indennità economica;
  • informazioni sulle opportunità nel campo del volontariato, della cooperazione e del servizio civile;
  • informazioni sulla creazione di una propria impresa;
  • informazioni sull’offerta formativa dopo la qualifica, il diploma o la laurea.

Slab Italia supporta giovani e aziende nel piano di attuazione del Programma Garanzia Giovani sia nella fase di ingresso del mondo del lavoro che successivamente nella formazione e nell’inserimento, aiutando le aziende nell’attuazione degli incentivi per le assunzioni.

Le misure previste dal Programma Garanzia Giovani sono:

Questa fase è ha il compito di facilitare e sostenere l’utente nell’acquisizione di informazioni utili a valutare la partecipazione al Programma Garanzia Giovani e a orientarsi rispetto ai servizi disponibili.

In questa prima fase i giovane:

  • riceve informazioni sui contenuti e sui servizi previsti dal Programma in ambito regionale

  • svolge un colloquio individuale con un operatore

  • costruisce un percorso individuale finalizzato all’inserimento lavorativo o all’interno di un percorso formativo e di tirocinio.

Il processo orientativo è finalizzato ad esplorare in maniera approfondita l’esperienza di vita del soggetto per sollecitarne maturazione, proattività e autonomia nella ricerca attiva del lavoro. In generale l’orientamento risponde al bisogno di riflettere sulla propria esperienza per progettare cambiamenti e/o sviluppi futuri e richiede:

  • una motivazione personale a mettersi in gioco in modo aperto e critico

  • la disponibilità ad attivare un processo che non può essere strutturato in tempi rigidi e predefiniti

  • a presenza di condizioni oggettive favorevoli (per esempio, il fatto di non avere esigenze economiche impellenti da risolvere attraverso l’inserimento lavorativo di qualsiasi tipo).

L’orientamento è rivolto soprattutto a giovani più distanti dal mercato del lavoro, con necessità di costruire una progettualità professionale collocata in una prospettiva temporale non necessariamente immediata e si avvale di una serie di approcci metodologici diversi, a seconda del contesto, la fase di vita ecc.

La formazione è uno strumento fondamentale per acquisire maggiori conoscenze o sviluppare le competenze già in essere e incrementare le possibilità occupazionali.

Per competere in un ambiente contraddistinto da cambiamenti sostanziali e continui, è fondamentale acquisire un bagaglio culturale e personale che aiuti il giovane ad entrare in maniera qualificata e qualificante nel mondo del lavoro.

Questa misura mira a fornire le conoscenze e le competenze necessarie a facilitare l’inserimento lavorativo sulla base dell’analisi degli obiettivi di crescita professionale e delle potenzialità del giovane, rilevate nell’ambito delle azioni di orientamento e di fabbisogno delle imprese, attraverso percorsi formativi professionalizzanti specialistici, anche di alta formazione rispondenti all’effettivo fabbisogno del contesto produttivo locale e ad agevolare la riqualificazione per giovani NEET con un titolo di studio debole o con caratteristiche personali di fragilità o che hanno abbandonato percorsi universitari

Obiettivo della misura è sostenere e agevolare l’inserimento lavorativo dei giovani in possesso solo parziale delle competenze per lo svolgimento della mansione e quindi supportare i giovani nel completamento del proprio profilo professionale. Successivamente all’attivazione di un contratto di lavoro – diverso dall’apprendistato – il giovane può essere inserito in un percorso formativo (breve) utile ad acquisire le competenze mancanti. Pertanto, la misura è finalizzata ad adeguare le competenze dei destinatari ai fabbisogni professionali delle imprese attraverso l’inserimento in percorsi formativi post assunzione da attivarsi entro 120 giorni dalla data di avvio del rapporto di lavoro risultante dalla CO di attivazione del rapporto stesso o precedenti l’avvio dell’attività lavorativa purché sia formalizzata l’assunzione. Prima dell’avvio della misura andrà formalizzata l’esigenza di colmare un gap formativo, la sua tipologia e l’ambito formativo coinvolto, il tutto correlato alla mansione e i fabbisogni aziendali. L’attività formativa dovrà concludersi entro 1 anno dall’assunzione.

L’accompagnamento al lavoro è una delle misure attivabili dal percorso personalizzato individuato durante la fase di orientamento.

SLAB ITALIA progetta e attiva le misure di inserimento lavorativo (lavoro a tempo determinato, indeterminato, in somministrazione o in apprendistato), sostenendo il giovane nelle fasi di avvio e ingresso alle esperienze di lavoro, attraverso:

  • scouting delle opportunità

  • definizione e gestione della tipologia di accompagnamento e tutoring

  • matching rispetto alle caratteristiche e alle propensioni del giovane

  • pre-selezione

  • accesso alle misure individuate;

  • accompagnamento del giovane nella prima fase di inserimento;

  • assistenza nella definizione del progetto formativo legato al contratto di apprendistato

Tale misura mira ad agevolare le scelte professionali e l’occupabilità dei giovani nel percorso di transizione tra scuola e lavoro mediante una formazione a diretto contatto con il mondo del lavoro e a favorire l’inserimento/reinserimento nel mondo del lavoro di giovani disoccupati e/o inoccupati.

La procedura prevede assistenza e accompagnamento nella definizione del progetto formativo legato all’attivazione dei percorsi di tirocinio, il riconoscimento dell’indennità al giovane che partecipa a un percorso di tirocinio, la validazione/certificazione delle competenze acquisite.

Alla fine del tirocinio viene promosso l’inserimento occupazionale dei giovani che concludono con successo il percorso.

Lo scopo è fornire ai giovani fino a 28 anni una serie di conoscenze sui settori d’intervento del servizio civile nazionale e regionale (assistenza alle persone; protezione civile, ambiente, beni culturali, educazione e promozione culturale) e competenze trasversali (lavoro in team, dinamiche di gruppo, problem solving, brainstorming) che aumentino l’autostima e facilitino l’ingresso sul mercato del lavoro dei soggetti interessati.

Per i giovani dai 18 ai 29 anni, sono previsti servizi in grado di sostenere lo sviluppo e il perfezionamento delle attitudini imprenditoriali, per sostenere l’avvio di attività di lavoro autonomo o di impresa. Slab Italia si occupa dell’accompagnamento dalla fase di start-up alla realizzazione dell’idea imprenditoriale e dell’individuazione di prospettive occupazionali legate all’autoimprenditorialità e/o autoimpiego.

Ogni Regione può prevedere azioni mirate e personalizzate di accompagnamento allo start up di impresa, come ad esempio:

  • percorsi specialistici mirati e consulenza specialistica (coaching, counseling, assistenza finalizzate allo sviluppo di un’idea imprenditoriale);

  • formazione per il business plan (definizione di dettaglio dell’idea imprenditoriale, acquisizione conoscenze/competenze, studi di fattibilità e ricerche di mercato, azioni di marketing territoriale e piani di comunicazione, etc…);

  • assistenza personalizzata per la stesura del business plan, con affiancamento specifico in relazione alla tipologia di attività;

  • accompagnamento per l’accesso al credito e alla finanziabilità;

  • servizi a sostegno della costituzione di impresa (informazioni su adempimenti burocratici e amministrativi – anche rispetto agli enti previdenziali, supporto per la ricerca di partner tecnologici e produttivi, supporto in materia di proprietà intellettuale, etc.).

L’incentivo alla creazione di impresa/lavoro autonomo può arrivare fino ad un massimo di 50.000 €.

Cerca Lavoro